Il D.lgs. 152/06 prevede che la violazione dell’art. 107 il quale stabilisce l’inderogabilità dei valori limite di scarico in pubblica fognatura, di cui alla tabella 3/A dell’Allegato 5 alla parte III del medesimo Decreto Legislativo, sia punita ai sensi dell’art. 133, 1 comma del suddetto Decreto, con la sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000,00 euro a 30.000,00 euro, alla quale non si applica il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. 689/1981, così come previsto dall’art. 135 comma 4 del D.lgs. 152/06. Pertanto l’entità della sanzione amministrativa sarà determinata, secondo i criteri stabiliti dall’art. 11 della Legge 689/1981, con l’emissione del provvedimento formale ex art. 18 Legge 689/1981.

Il D.lgs. 152/06 altresì prevede che il mancato ottemperamento alle prescrizioni contenute nel titolo autorizzatorio sia punito ai sensi dell’art. 133, 3 comma del D.lgs. 152/06 con una sanzione amministrativa pecuniaria da 1.500,00 euro a 15.000,00 euro, alla quale non si applica il pagamento in misura ridotta di cui all’art. 16 della L. 689/1981, così come previsto dall’art. 135 comma 4 del D.lgs. 152/06.

L’Autorità cui compete l’irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie in materia di scarichi in pubblica fognatura ai sensi degli artt. 128 e seguenti del Dlgs 152/06 e s.m.i. nonché dell’art. 54 della L.R. n. 26/2003 e s.m.i. in combinato disposto con la Dgr 20/01/2010 n.8/II045 è l’Ufficio d’Ambito di Como.

 

Si segnala che con deliberazione n. 27 del 24/07/2018 l’Ufficio d’Ambito di Como si è dotato di un “Regolamento sul procedimento di irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi della Legge 689/81” che è possibile visionare al seguente link.

Valid XHTML 1.0 Strict   Validazione CSS W3C   Validazione WAI-A WCAG 1.0